Vous êtes ici : Accueil / Littérature / Bibliothèque

Bibliothèque

Sandro Veronesi, "Caos calmo"
Bibliothèque
Mario Calabresi, "Spingendo la notte più in là"
Fiches de lecture
Marco Belpoliti, "La prova"
Cristina Comencini, "L'illusione del bene"
Il romanzo di Comencini ci narra di un uomo, Mario, di 58 anni, che è stato comunista, ha creduto che la politica militante fosse sinonimo del bene (cfr. il titolo) e oggi si pone interrogativi a cui nessuno vuole rispondere. Dopo il crollo del Muro di Berlino c'è chi non cerca risposte, preferisce ignorare i passaggi storici; non così Mario, tormentato e ossessionato dalla fine del comunismo reale e dal non avere saputo o voluto vedere ciò che accadeva agli uomini e alle donne dei paesi dell'Est europeo.
Carla Capponi, "Con cuore di donna"
Il libro, autobiografico, ripercorre gli anni dell'occupazione delle truppe del terzo Reich a Roma; la scrittrice, all'epoca giovane partigiana, faceva parte del gruppo che mette una bomba in via Rasella. L'ordigno causa la morte di soldati altoatesini, inquadrati nell'esercito tedesco, a questo attentato segue la rappresaglia tedesca e il successivo massacro di civili alle Fosse Ardeatine. Carla Capponi racconta le ragioni della scelta che l'hanno portata a lottare e della vita a Roma durante il fascismo e la Resistenza. La narrazione si colloca quindi nell'intreccio fra storia e vita personale cioè fra memoria e racconto di sé.
Mariolina Venezia, "Mille anni che sto qui"
Rossana Rossanda, "La ragazza del secolo scorso" e Pietro Ingrao "Volevo la luna"
Marina Terragni, "La scomparsa delle donne. Maschile, femminile e altre cose del genere"
Giangiulio Ambrosini, "Articolo 416 bis"
L'articolo 416 bis del Codice penale
Guido Crainz, "L'ombra della guerra. Il 1945, l'Italia"
Paolo Pergolizzi, "L'appartamento. Br: dal Pci alla lotta armata"
Marisa Fenoglio, "Vivere altrove"
Fiche de lecture du roman "Vivere altrove" de Marisa Fenoglio, paru chez Sellerio editore en 1997.
Franco Mimmi, "Lontano da Itaca"
Paolo Giordano, "La solitudine dei numeri primi"
Concita De Gregorio, "Malamore. Esercizi di resistenza al dolore"
((Malamore)) è un saggio che racconta storie di donne che resistono alla violenza e ai soprusi degli uomini ma non trovano il coraggio di protestare e di liberarsi dei loro compagni. Una raccolta di storie che ruota attorno ad una domanda: come mai donne indipendenti, giovani e meno giovani, brave professionalmente sono disposte a sopportare, perché subiscono e non si ribellano? Vergogna? Paura?
Agnese Moro, "Un uomo così - Ricordando mio padre"
Agnese Moro, da anni gira l'Italia tra scuole, biblioteche, parrocchie per ricordare la figura umana del padre e per salvarla dall'oblio - afferma - in cui hanno cercato di farla cadere. E' la terzogenita di Aldo Moro, presidente della Democrazia Cristiana, partito che ha governato l'Italia per quaranta anni, cinque volte presidente del Consiglio dei ministri, rapito e ucciso dalle Brigate rosse nel 1978 dopo 55 giorni di sequestro.
Umberto Ambrosoli, "Qualunque cosa succeda"
Graziella Bonansea, "Tre inverni. L'acqua del fiume complice di una storia"
Edith Bruck, "Quanta stella c'è nel cielo - Il dopoguerra negli occhi di una sopravvissuta. Un romanzo di straziante intensità"
Il titolo del romanzo riprende un verso di una ballata di Sandor Petofi, grande poeta del risorgimento ungherese, ed è fra le poche cose che Anita, la protagonista, porta con sé, insieme a ricordi dolorosi. Siamo nel 1948 e Anita ha quindici anni, è una sopravvissuta ai campi di concentramento, proviene da un orfanotrofio ungherese ed è in viaggio per andare a vivere in Cecoslovacchia dalla zia Monika.
Roberto Saviano, "La bellezza e l'inferno, Scritti 2004 – 2009"
Roman - Narrativa
Histoire - Storia
Essais - Saggistica
Paolo Berizzi, BANDE NERE, come vivono, chi sono, chi protegge i nuovi neofascisti
In questo libro - inchiesta, Berizzi ci propone un viaggio nell' "area nera" della penisola italiana, un mondo costituto soprattutto da ragazzi e giovanissimi, magmatico e dai contorni labili ma preoccupanti. Un mondo la cui esistenza sarebbe difficile da credere, se non leggessimo tracce marcate nella realtà odierna.
Adriano Sofri, "La notte che Pinelli"
Attorno a quella notte ruota il destino di molte persone, Sofri ha voluto ricostruirla puntualmente, utilizzando gli atti giudiziari, i ricordi, le testimonianze, e ha scritto un libro sul caso Pinelli. Sofri spiega i fatti del 15 dicembre 1969, di quella notte che Pinelli entrò vivo in una stanza della polizia e ne uscì morto, tre giorni dopo.
Zvi Yanaï (Sandro Toth), Il fratello perduto
Giovanni Moro, "Anni Settanta"
Moro precisa di non essere uno storico, tanto meno degli anni settanta nei quali ha avuto una parte, un po' per scelta e un po' perchè ci si è trovato, che non lo mette nella condizione di distacco propria del lavoro storiografico (il riferimento è con la pacatezza che contraddistingue l'autore, al rapimento e all'uccisione, nel 1978 da parte delle Brigate Rosse, del padre Aldo Moro, leader della Democrazia Cristiana ).
Giovanni Fasanella & Sabina Rossa, "Guido Rossa, mio padre"
Anna Negri, "Con un piede impigliato nella storia"
Licia Pinelli, Piero Scaramucci, "Una storia quasi soltanto mia"
Giovanni Fasanella e Antonella Grippo, "I silenzi degli innocenti"
I due autori hanno raccolto le parole di familiari e amici di vittime delle stragi nere e del terrorismo rosso, percorsi individuali di sofferenza e di amarezza accomunati però dalla protesta verso lo Stato, che raramente ha fatto giustizia e verso l'informazione che ha spesso trasformato gli ex-terroristi in personaggi mediatici.
Andrea Casalegno, "L'attentato"
Il libro, come altri usciti in questi ultimi anni, ci riporta le parole di un figlio; di una generazione di figli di chi è stato ucciso nel periodo degli anni di piombo e che adesso parla a nome proprio e per conto dei padri, poiché cercare le tracce di chi si è perduto può servire, forse, a ricostruire la propria identità.
Benedetta Tobagi, "Come mi batte forte il tuo cuore"
La Tobagi scrive un libro, in prima persona, che non è un saggio, né un romanzo, né un omaggio agiografico; usa la parola, narra i fatti, parla di sé, della sua famiglia. Nell'insieme è scritto come un romanzo ma il contenuto riporta dati e non invenzioni. Walter Tobagi è stato ucciso a Milano il 28 maggio 1980, gli hanno sparato alcuni membri di una formazione terroristica di sinistra, la "Brigata XXVIII marzo" (nel testo viene fornita una scheda informativa su questo gruppo e sui processi per l'omicidio). Tobagi era un giornalista del Corriere della Sera, uno storico e il presidente del sindacato dei giornalisti lombardi; quando è morto aveva trentatre anni, il figlio Luca sette, la figlia Benedetta tre.
Nando Dalla Chiesa, "Album di famiglia"
Caterina Soffici, "Ma le donne no"
La giornalista propone un libro che racconta alcune vicende molto scomode e il sottotitolo ce lo richiama immediatamente. Il paese di cui si parla è l'Italia. Di facile lettura, scorrevole ed al tempo stesso coinvolgente, l'autrice non ha la pretesa di scrivere un report sull'emancipazione o meno delle italiane ma nelle storie raccontate emerge la fatica di molte che devono combattere quotidianamente per conquistare la propria dignità e che non possono permettersi di riposare.
Giovanni De Luna, "Le ragioni di un decennio"
Antonio Pennacchi, "Canale Mussolini"
Pennacchi intende raccontare i grandi eventi della storia d'Italia attraverso le vicende degli umili; con episodi comici e drammatici delinea le contraddizioni di un popolo. Il tutto viene sviluppato da un personaggio senza nome che parla e racconta ad un interlocutore misterioso e solo in conclusione scopriremo la sua identità con un bel colpo di scena finale. I modelli dichiarati per l'ispirazione letteraria sono Il mulino del Po, di Bacchelli, I promessi Sposi, di Manzoni, La geografia, di Strabone, La vita, di Cellini con una commistione di generi che recupera pure il filò, il racconto della tradizione orale.
Michela Murgia, "Accabadora"
Carla Verbano con Alessandro Capponi, "Sia folgorante la fine"
Un libro che colpisce al cuore. A scriverlo è una madre, il cui figlio Valerio Verbano, romano di 19 anni, studente di sinistra viene ucciso in casa il 22 febbraio del 1980. Carla racconta quel giorno, quel periodo e il desiderio di scoprire, ancora oggi, la verità su quel delitto impunito. Valerio si era avvicinato fin da ragazzo all'area dell'Autonomia operaia e viene arrestato nel 1979 nell'ambito di un'inchiesta sul terrorismo di sinistra; la polizia gli sequestra un dossier, anche fotografico, sui NAR (Nuclei armati rivoluzionari, gruppi di esttrema destra), sul terrorismo neofascista, e sui suoi simpatizzanti fra le forze dell'ordine e nel mondo della politica.
Salvatore Niffoi, "Il postino di Piracherfa"
Mariapia Veladiano, "La vita accanto"
Curzio Maltese, "La bolla. La pericolosa fine del sogno berlusconiano"
Curzio Maltese con uno stile secco e tagliente parla dell'Italia berlusconiana e ne fa un quadro amaro e disilluso, proponendo un metodo per affrontare i problemi anomalo. Dice Maltese che il suo è un libro contro la semplificazione, perché in un paese complesso e fragile al tempo stesso, come l'Italia chi propone soluzioni semplicistiche compie una vera e propria truffa.
Emilio Gentile, "Né stato né nazione – Italiani senza meta"
Marco Belpoliti, "Il corpo del capo"
Marco Belpoliti racconta in questo libro il rapporto fra il capo del governo italiano e la fotografia (le sue fotografie) a partire dagli anni settanta quando Silvio Berlusconi era uno semisconosciuto imprenditore edile fino ad arrivare alle sue ultime immagini.
AAVV, a cura di Telefono Rosa, "Le italiane"
Nazionale Volontarie Telefono Rosa - Onlus è nata nel 1988 come strumento temporaneo per far emergere attraverso la voce diretta delle donne la violenza sommersa. Oggi l'Associazione è una rete di associazioni territoriali e fornisce un servizio di ascolto, una consulenza specialistica e una competenza specifica nella gestione di progetti; le consulenze sono gratuite. Dal 2004 il Telefono Rosa gestisce la Casa Internazionale dei Diritti Umani delle donne. Con la pubblicazione di questo libro, l'Associazione partecipa alle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia; assegnando a diverse autrici la realizzazioni di biografie di donne italiane, testimoni eccellenti nei campi della politica, della cultura, della scienza, dell' economia e dello sport.
Luca Rastello, "La frontiera addosso. Così si deportano i diritti umani"
Fiche de lecture du roman "La frontiera addosso. Così si deportano i diritti umani" de Luca Rastello, paru aux éditions Laterza en 2010.
Gianni Barbacetto, "Il grande vecchio"
Dopo 15 anni è stato riscritto e ristampato, con gli adeguati aggiornamenti, da Gianni Barbacetto il libro che ricostruisce, attraverso le testimonianze dirette dei magistrati le stragi dell'eversione nera avvenute in Italia dalla fine degli anni '60 ai primi anni '80. Parlano i magistrati che hanno indagato sui misteri italiani e raccontano le loro indagini e conclusioni.
Sebastiano Vassalli, "Le due chiese"
Luciana Castellina, "La scoperta del mondo"
Paul Ginsborg, "Salviamo l'Italia"
Silvia Giralucci, "L'inferno sono gli altri"
Padova: città veneta, un luogo colto, borghese, apparentemente tranquillo, negli anni Settanta è teatro di violenza diffusa e illegalità di massa con aggressioni e gambizzazioni, guerriglia urbana. Pure all'Università si verificano occupazioni, minacce ai docenti, aggressioni.
Notre Bibliothèque
Maddalena Rostagno, Andrea Gentile, "Il suono di una sola mano"
Marina Addis Saba, Partigiane - Le donne della resistenza
Michela Marzano, "Volevo essere una farfalla - Come l' anoressia mi ha insegnato a vivere"
Edoardo Nesi, "Storia della mia gente"
Il libro ha meritato il prestigioso Premio Strega 2011, e fa riflettere sull'evoluzione e declino della piccola industria di qualità italiana ma, al momento, a fatica si intravvede un presente e un futuro positivi per l'economia dell'Italia.
Gian Franco Venè, "Mille lire al mese", Mondadori, 1988
Mille lire al mese è il titolo sia di un film sia di una canzone degli anni Trenta. Il film chiariva molto bene che per guadagnare questa cifra un giovane non solo doveva essere specializzato in un ramo della tecnologia d’avanguardia, ma gli conveniva emigrare. E infatti la vicenda si colloca a Budapest. Tutto ciò proiettava la conquista delle mille lire in una dimensione da operetta. Mentre il film fu dimenticato, la canzone diventò molto popolare. Le parole di questa canzone rispecchiano le apprensioni e le aspirazioni degli italiani dell’epoca : “Se potessi avere mille lire al mese”.
Gian Franco Venè, "Mille lire al mese", Mondadori, 1988 2
Vittorio De Sica, "Il giardino dei Finzi-Contini"
Cette page propose une critique du film "Il Giardino dei Finizi-Contini", réalisé par Vittorio De Sica sur un scénario de Valério Zurlini.
Francesco Rosi, "Cristo si è fermato a Eboli"
Cette page propose une critique du film "Cristo si è fermato a Eboli", réalisé par Francesco Rosi.
Maurizia Morini (a cura di), "Figli delle vittime Gli anni Settanta, le storie di famiglia"
Luciano Emmer, "La ragazza in vetrina"
Cette page propose une critique du film "La ragazza in vetrina", réalisé par Luciano Emmer.
Lilli Gruber "Eredità. Una storia della mia famiglia tra l'Impero e il fascismo"
L'ultimo romanzo della giornalista e scrittrice altoatesina Dietlinde Gruber ci conduce in una storia familiare - la sua - intrecciata alle vicende storiche di una zona di confine. Si tratta dell'Alto Adige o come preferiscono gli abitanti di lingua tedesca del Sud-Tirolo.
Valerio Magrelli "Geologia di un padre"
Fiche de lecture du roman "Geologia di un padre" de Valerio Magrelli, paru aux éditions Einaudi en 2013.
Massimo Gramellini, "Fai bei sogni"
Fiche de lecture du roman "Fai bei sogni" de Massimo Gramellini, paru aux éditions Longanesi en 2012.
Michelangelo Antonioni, "Identificazione di una donna" "Identification d'une femme"
Cette page propose une critique du film "Identificazione di una donna", réalisé par Michelangelo Antonioni.
Mariella Gramaglia & Maddalena Vianello, "Fra me e te"
Fiche de lecture du roman "Fra me e te" de Mariella Gramaglia et Maddalena Vianello, paru aux éditions Et al. en 2013.
Luigi Comencini, "Pane, Amore e Fantasia" ("Pain, Amour et Fantaisie")" 1953)
Cette page propose une critique du film "Pane, Amore e Fantasia", réalisé par Luigi Comencini en 1953.
Gigi Moncalvo, "Agnelli segreti"
Fiche de lecture du roman "Agnelli segreti" de Gigi Moncalvo, paru aux éditions Vallecchi en 2012.
Daria Bignardi, "L'acustica perfetta"
Fiche de lecture du roman "L'acustica perfetta" de Daria Bignardi, paru aux éditions Mondadori en 2012.
Giovanni Tizian, "La nostra guerra non è mai finita"
Fiche de lecture du roman "La nostra guerra non è mai finita" de Giovanni Tizian, paru aux éditions Mondadori en 2013.
Elena Gianini Belotti, "Onda lunga"
Fiche de lecture du roman "Onda lunga" de l'auteure italienne Elena Gianini Belotti, publié aux éditions Nottetempo (2013).
Luca Rastello, "I Buoni"
Questa la trama: Siamo in Romania o in un paese dell'Est europeo dove vivono i ragazzi delle fogne, fra questi Aza, ragazzina diseredata che per sfuggire all'inferno reale, arriva in Italia condotta dall'italiano Andrea, in una comunità guidata da un prete carismatico, dal maglione sdrucito. Si tratta di Don Silvano, fondatore della Onlus “In punta di piedi”, inizialmente comunità per tossicodipendenti poi estesa anche in attività di lotta alla mafia.
Francesco Piccolo, "Il desiderio di essere come tutti"
Il titolo del romanzo-saggio di Piccolo è mutuato da una citazione di Natalia Ginzburg che recita: "Di diversità e solitudine, e di desiderio di essere come tutti, è fatta la nostra infelicità e tuttavia sentiamo che tale infelicità forma la sostanza migliore della nostra persona ed è qualcosa che non dovremmo perdere mai".
Chiara Saraceno, "Eredità", Rosenberg & Sellier, 2013
Il libretto-saggio della sociologa Chiara Saraceno fa parte della nuova collana “Gemme” che intende essere un dialogo attorno al linguaggio che usiamo, per riscoprire la forza delle parole che aiutano a capire il mondo.
Giorgio Fontana, "Morte di un uomo felice"
Franco Cassano, "Senza il vento della storia - La sinistra nell'era del cambiamento"
Il sociologo Franco Cassano in questo suo ultimo libro analizza “il posto” che la sinistra oggi stenta a trovare, stretta fra l'eredità del passato e la necessità di adeguarsi al cambiamento dei tempi, guardando in faccia alla realtà.
Nando dalla Chiesa, "La scelta Libera. Giovani nel movimento antimafia"
Nando dalla Chiesa, in collaborazione con Ludovica Ioppolo, Martina Mazzeo e Martina Panzarasa, nel ventennale della nascita di Libera ha scritto un'accurata analisi storica e attuale di questa aggregazione di “associazioni, nomi e numeri contro le mafie, che raccoglie e mobilita decine di migliaia di giovani”. I dati delle iscrizioni al giugno 2014 registrano 6643 soci singoli, 358 associazioni, 163 scuole. Una sorta di manuale preciso e accurato sul movimento antimafia in Italia, utile anche per ulteriori ricerche e approfondimenti; per questo indispensabile è la bibliografia ragionata finale che occupa quasi ottanta pagine, suddivisa in titoli con relative sottosezioni.
Nando dalla Chiesa, "Manifesto dell'Antimafia"
Guido Crainz, Diario di un naufragio. Italia 2003-2013
Benedetta Tobagi, "Una stella incoronata di buio. Storia di una strage impunita"
Benedetta Tobagi ha scritto un saggio in forma narrativa imperdibile, tanto è carico di sentimento e di lucida documentazione; un incrocio fra la storia della bomba a Piazza Loggia a Brescia e le vite. Le vite di chi è rimasto ucciso, in particolare di Livia, la moglie di Milani (Presidente della Casa della memoria di Brescia) e di coloro che sono sopravvissuti. Ed anche un incrocio, un incontro che continua fra Manlio Milani, lo zio acquisito, e la scrittrice, l'io narrante, accomunati da una data e da una storia dai tratti simili. Il 28 maggio 1974 : strage a Brescia; il 28 maggio 1980 : Walter Tobagi fu ucciso.
"Possa il mio sangue servire: Uomini e donne della Resistenza" di Aldo Cazzullo e "La Resistenza perfetta" di Giovanni De Luna
Sono stati recentemente pubblicati due libri, diversi come impostazione ma accomunati dalla medesima scelta tematica: ricordare, nel 70° della ricorrenza (1945-2015), la Resistenza e la Liberazione dal nazifascismo in Italia.