Vous êtes ici : Accueil / À consulter également

À consulter également

44 ressources contiennent le mot-clé donne.

Rechercher aussi dans titre et résumé (recherche structurée).

Carlo Cassola, Paura e tristezza (1970)

par Sarah Vandamme, publié le 23/05/2024

article.png Fiche de lecture du roman Paura e tristezza de Carlo Cassola, publié en 1970 par Einaudi.

Paolo Virzì, La Pazza Gioia (2016)

par Aline Rambert, publié le 08/02/2024

article.png Chronique cinéma du film La Pazza Gioia de Paolo Virzì, avec Valeria Bruni Tedeschi et Micaela Ramazzotti.

Joyce Lussu, Fronti e frontiere (1945)

par Elena Perrello, publié le 08/12/2023

article.png Scheda di lettura di Fronti e Frontiere di Joyce Lussu, volume pubblicato nel 1945 e, più recentemente, da Abbot (2021). L’autrice, ripercorrendo gli anni di clandestinità (1940-45) condivisi con il marito Emilio Lussu, racconta le peripezie e gli ostacoli affrontati dalla coppia per organizzare la Resistenza antifascista, sullo sfondo di un’Europa in guerra.

Question d'actualité - La violenza sulle donne in Italia

par Alison CARTON-KOZAK, publié le 01/12/2023

texte.png question.png Con questa selezione di risorse testuali e audiovisive, si intende presentare alcuni cenni normativi e i principali dati sulla questione della violenza sulle donne in Italia. Sono anche proposti articoli di riflessione sul legame tra femminicidio e contesto italiano; iniziative per porre fine alla violenza nei confronti delle donne e delle ragazze e materiali didattici.

Valeria Parrella, La fortuna (2022)

par Maurizia Morini, publié le 19/10/2023

article.png Scheda di lettura del romanzo La fortuna di Valeria Parella pubblicato nel 2022 da Feltrinelli.

Rosella Postorino, Mi limitavo ad amare te (2023)

par Maurizia Morini, publié le 05/10/2023

article.png Scheda di lettura del romanzo Mi limitavo ad amare te pubblicato nel 2023 da Feltrinelli

Incontro con Laura Mancini

par Florence Courriol, Laura Mancini, publié le 11/05/2023

son.png entretien.png Rencontre avec l’écrivaine romaine Laura Mancini (1985) autour de la parution en traduction française de son premier roman Rien pour elle (Agullo, 2022) (Niente per lei, edizioni e/o, 2019) traduit par Lise Chapuis et Florence Courriol. La rencontre du 13 octobre 2022 était animée par Cristiano Pelagatti, à la tête de l’association culturelle italienne Lucciola Vagabonda, et Laura Mancini était interprétée par sa traductrice Florence Courriol, à qui Cristiano Pelagatti a également posé une question de traduction. Elle s’est déroulée à Lyon à la librairie Raconte-moi la terre. Laura Mancini a parlé au public lyonnais du parcours de son personnage principal, Tullia, celui d'une vie traçant au fil des décennies le portrait d'une femme qui a su traverser l'histoire de l'Italie sans jamais détourner le regard.

L’"histoire prodigieuse" d’Elena Ferrante. L’Italie républicaine au miroir d’un best seller

par Massimo Baioni, Monica Galfré, publié le 16/03/2023

son.png conference.png L'intervention a été enregistrée lors de la séance du 23 janvier 2023 du Laboratorio storico : séminaire d'histoire et civilisation italienne, organisé par le laboratoire LUHCIE de l’Université Grenoble Alpes.

Nicoletta Verna, Il valore affettivo (2021)

par Elena Perrello, publié le 13/10/2022

article.png Scheda di lettura del romanzo Il valore affettivo, di Nicoletta Verna, pubblicato da Einaudi nel 2021. Un dramma familiare sulla relazione tra due sorelle, in cui un lutto non elaborato innesca una scia di silenzio e comportamenti autodistruttivi. Una storia sugli effetti del senso di colpa, sulla salute mentale e sull’importanza della comunicazione.

Princesa de Fernanda Farías de Albuquerque (traduction française de 2021)

par Iz Séverin, publié le 06/09/2022

article.png Fiche de lecture de la traduction en français de Princesa de Fernanda Farías de Albuquerque et Maurizio Iannelli (éditions Sensibili alle foglie, 1994) par Simona Elena Bonelli, Virginie Culoma-Sauva, Armelle Girinon, Judith Obert, Anna Proto Pisani (Heliotropismes, 2021).

Ali Farah , Madre piccola (2007)

par Anna Eberle, publié le 01/09/2022

article.png Fiche de lecture du roman Madre piccola d'Ali Farah, publié en 2007 aux éditions Frassinelli.

Igiaba Scego, Oltre Babilonia (2008)

par Anna Eberle, publié le 14/06/2022

article.png Fiche de lecture du roman Oltre Babilonia d'Igiaba Scego, publié en 2008 par Donzelli Editore.

Joyce Lussu, Il libro delle streghe (1990)

par Elena Perrello, publié le 31/05/2022

article.png Scheda di lettura della raccolta di racconti Il libro delle streghe. Dodici storie di donne straordinarie, maghe, streghe e sibille di Joyce Lussu, pubblicato nel 1990 da Transeuropa. Dal folklore alle guerre contemporanee, la scrittrice individua nella strega il simbolo delle lotte per i diritti delle donne e nei suoi antichi segreti una chiave per la convivenza pacifica tra i popoli e gli esseri viventi.

Melania G. Mazzucco , L’architettrice (2019)

par Sarah Vandamme, publié le 01/02/2022

article.png Fiche de lecture du roman L'archittetrice de Melania G. Mazzucco, publié en 2019 par Einaudi.

Elena Ferrante, I margini e il dettato (2021)

par Ilaria Moretti, publié le 13/01/2022

article.png Scheda di lettura del romanzo I margini e il dettato di Elena Ferrante pubblicato nel 2021 da E/O a Roma.

Elena Ferrante, I giorni dell'abbandono (2002)

par Elena Perrello, publié le 13/09/2021

article.png Scheda di lettura del romanzo I giorni dell’abbandono di Elena Ferrante pubblicato nel 2002 da E/O a Roma. Vengono proposti alcuni spunti di riflessione per analizzare i personaggi e i temi principali: trauma dell’abbandono e introspezione, rapporto con l’alterità tra conflitto e riconciliazione, identità e individualità nella relazione coniugale, identità della donna nei ruoli di moglie e madre.

À la "Cour" d’Isabella Andreini, actrice Gelosa et académicienne Intenta : les "nobil donne" dédicataires des Rime (Milano, Bordoni, 1601)

par Cécile Berger, publié le 19/03/2021

article.png Figure de proue de l’avènement des femmes dans le théâtre professionnel italien, la comédienne des Gelosi et femme de lettres académicienne (Intenti, Pavie) Isabella Andreini publie en 1601 à Milan un recueil de Rime, dont près de 200 sonnets. La plupart sont des éloges dédiés aux nobles dames italiennes les plus en vue des Cours de Mantoue, Ferrare ou Florence. L’analyse de ces sonnets permet aussi bien de dresser une galerie de portraits historiques que d’ébaucher les fondements d’une matrice culturelle commune où les codes du féminin de Cour en Italie rejoignent étonnamment les qualités d’actrices d’Isabella Andreini.

Ne crois pas avoir de droits, Librairie des Femmes de Milan (traduction de 2017)

par laura Maver Borges, publié le 23/02/2021

article.png Recension de l'ouvrage Ne crois pas avoir de droits, de La Libraire des Femmes de Milan, traduit par le Collectif Mises en Commune, La Tempête éditions, 2017. Ce livre est un témoignage théorique et historique de l'histoire du mouvement féministe italien des années 1970 à 1980 et de l'élaboration de la théorie et de la pratique différentialiste.

Lisa Ginzburg, Cara pace (2020)

par Maurizia Morini, publié le 28/01/2021

article.png Fiche de lecture du roman Cara pace de Lisa Ginzburg, publié par Ponte alle Grazie en 2020.

Rome, ville ouverte ? Errance urbaine et condition féminine dans le cinéma d’Antonio Pietrangeli

par Esther Hallé-Saito, publié le 23/01/2020

article.png Antonio Pietrangeli (1919-1968), critique engagé dans le combat réaliste tout au long des années 1940, puis réalisateur à partir de 1953, a proposé une filmographie caractérisée par un regard particulièrement inquiet porté sur la condition féminine dans l’Italie d’après-guerre. Rome, où se situe la majorité de ses films, est le lieu privilégié de ce que nous pourrions qualifier de réalisme moral : le rapport des personnages féminins à l’espace romain dessine une phénoménologie sceptique d’après laquelle le réel, devenu objet de doute, est placé sous le signe de la perte et de l’inachèvement.

Elena Ferrante, La vita bugiarda degli adulti (2019)

par Ilaria Moretti, publié le 03/12/2019

article.png Fiche de lecture du roman La vita bugiarda degli adulti d'Elena Ferrante, publié en novembre 2019.

Écrire l’effacement : Elena Ferrante et la construction d’un dire par soustraction

par Ilaria Moretti, publié le 21/11/2019

article.png Elena Ferrante, écrivaine-ombre, travaille autour de la notion d’effacement en faisant de cette dernière un motif littéraire et stylistique. À travers l’analyse de certains de ses personnages ainsi qu’à travers une recherche centrée sur la langue et le style, nous essayerons de montrer comment la rature n’est pas, chez l’écrivaine, une simple posture d’auteur. Au contraire, s’effacer de la scène publique pour n’exister que dans la page d’écriture devient un prétexte pour entamer une réflexion plus vaste autour de la littérature contemporaine, de l’identité – définie à travers la notion de « soi narrable » – et, enfin, de l’écriture elle-même. Cet article est le fruit des recherches et des réflexions effectuées dans le cadre d'une thèse de doctorat – La page est un miroir : la construction d’une identité narrative à travers l’étude métabiographique des personnages féminins d’Elena Ferrante – qui est toujours en cours de rédaction sous la direction de M. Pierre Girard (Université Jean Moulin Lyon 3).

Les "signorine" de Maria Messina : des héroïnes en marge de l'ordre symbolique

par Giusi La Grotteria, publié le 18/11/2019

article.png Centrée sur la triste condition des femmes en Sicile ainsi que dans l’Italie centrale et méridionale du début du XXe siècle, l’œuvre narrative de Maria Messina (1887-1944) aborde la destinée "féminine" dans le monde romanesque comme dans celui du vécu. Au passage de la jeune fille à la femme soumise, mariée ou compromise sexuellement, l’auteure oppose des héroïnes en marge de l’ordre symbolique ; cet état d’exclusion se traduit par une véritable résistance aux contraintes de la vie familiale, sociale et culturelle.

Milena Agus, "Mentre dorme il pescecane" e "La contessa di ricotta"

par Maurizia Morini, publié le 16/05/2014

article.png In questi due romanzi Milena Agus ritorna, come di consueto, nella sua Sardegna per raccontare storie di famiglie. Racconti singolari di personaggi apparentemente ai margini della “normalità” che conducono la loro esistenza in un'atmosfera dentro e fuori la famiglia, un po' irreale, un po' nel mistero.

Elena Ferrante, Storia di chi fugge e di chi resta

par Maurizia Morini, publié le 20/03/2014

article.png Il terzo volume che racconta la storia fra le due amiche Lina e Lenù, storia di chi resta e di chi fugge, si apre nell'anno 2010. Elena Greco (Lenù) vive a Torino, osserva lo scorrere del Po e ha incontrato l'ultima volta Lina a Napoli cinque anni prima. Ed Elena Ferrante riprende la vicenda delle due amiche da dove aveva terminato nel secondo volume e possiamo seguire parallelamente quanto accade loro in un susseguirsi continuo di ritrovarsi e lasciarsi. Siamo negli anni settanta e intrecciate alle vicende personali, in modo fluido e chiaro, vediamo scorrere gli avvenimenti storici che hanno caratterizzato l'Italia in quel periodo: le occupazioni studentesche all'Università, le lotte operaie nelle fabbriche, il manifestarsi del terrorismo, la nascita e lo sviluppo del femminismo.

Michela Marzano, Volevo essere una farfalla - Come l' anoressia mi ha insegnato a vivere

par Maurizia Morini, publié le 16/03/2012

article.png Marzano racconta la storia della sua vita, poiché quello che preme non va perduto e come afferma lei stessa, scrivere è diventata una necessità, in un certo senso una necessità etica. Al centro del libro emerge la rivendicazione e la denuncia dell'inquietudine da cui siamo attraversati e di conseguenza il coraggio, in questo caso della Marzano, di esporre la propria fragilità, di parlare dell'anoressia e di come questa malattia le abbia insegnato a vivere.

Marina Addis Saba, Partigiane - Le donne della resistenza

par Morgane Recco, publié le 02/03/2012

texte.png monographie.png Fiche de lecture du roman Partigiane - Le donne della resistenza de Marina Addis Saba, paru aux éditions Mursia, Milan en 1998.

Elena Ferrante, L'amica geniale

par Maurizia Morini, publié le 10/02/2012

article.png Siamo a Napoli negli anni cinquanta; in un povero quartiere, abitato da fascisti e monarchici ed anche da piccoli teppisti e ignoranti arricchiti, e sullo sfondo l' ombra della camorra. I giovani che vivono qui cercano di superare le divisioni fra famiglie o forse si illudono di farlo, di uscire dal quartiere e di affrancarsi da un destino segnato. Nello svolgersi della narrazione si seguono le storie delle diverse famiglie contrassegnate da amori, passioni, odi, vendette, vita di vicinato... Ma la centro di tutto c'è sempre la profonda amicizia fra le due, bambine prima, adolescenti poi. Lila è povera e magra, figlia di uno scarparo possiede una intelligenza rara e precoce, è la più brava alle elementari e la più cattiva con i maschi e le compagne. È molto invidiata dall'amica del cuore, Elena, figlia di un usciere comunale, diligente e studiosa, che riuscirà ad approdare, con molti sacrifici e ore di studio, al liceo classico. La Ferrante scava a fondo la psicologia delle due bambine che crescono, che scoprono l'amore, le buone letture, la politica, la morale, le rivalità, le incomprensioni e le separazioni.

Margaret Mazzantini, Nessuno si salva da solo

par Maurizia Morini, publié le 16/11/2011

article.png Delia e Gaetano, fra i trenta e i quarant'anni, erano una coppia, ora non più; lui si è trasferito in un residence, lei vive con i due figli; si ritrovano a cena, in un ristorante per accordarsi sulla gestione dei figli durante le imminenti vacanze estive. Il racconto ruota attorno a loro, alla rottura del rapporto, alle parole che si dicono poiché il loro amore è moribondo e loro non se ne erano accorti e non se ne fanno una ragione. Dov'è l'epicentro della rottura? Perchè si sono sfilacciati? Perchè nessuno li ha aiutati? Non lo hanno capito e nessuno dei due ha ancora trovato la pace, si sono incontrati per farsi del male, rancori e ferite troppo vivi. Delia e Gaetano sono rabbiosi e la Mazzantini è perfetta nel trovare le parole giuste per descrivere il loro stato d'animo, fatto di presente e di passato.

Silvia Avallone, Acciaio

par Maurizia Morini, publié le 01/07/2011

article.png Acciaio racconta l'amicizia profonda fra le ragazzine tredicenni Anna e Francesca, alla soglia dei quattordici anni , tappa fondamentale per diventare grandi nel passaggio tra la fine della scuola media e le superiori, a Piombino, nel quartiere popolare di via Stalingrado. Chiaramente non è la cittadina toscana l'obiettivo di chi scrive ma è il luogo di piccola città, in cui dominano le acciaierie Lucchini, con gli operai, le famiglie marginali, i piccoli spacciatori, giovani e adolescenti che crescono.

Valeria Parrella, Ma quale amore

par Maurizia Morini, publié le 13/05/2011

article.png Il romanzo della Parrella parla di un amore, ma quale amore, senza punto interrogativo, come suggerisce il titolo lasciando in sospeso... Ed è appunto il dubbio, la ricerca dell'amore che la scrittrice racconta.

AAVV, a cura di Telefono Rosa, Le italiane

par Maurizia Morini, publié le 08/04/2011

article.png Nazionale Volontarie Telefono Rosa - Onlus è nata nel 1988 come strumento temporaneo per far emergere attraverso la voce diretta delle donne la violenza sommersa. Oggi l'Associazione è una rete di associazioni territoriali e fornisce un servizio di ascolto, una consulenza specialistica e una competenza specifica nella gestione di progetti; le consulenze sono gratuite. Dal 2004 il Telefono Rosa gestisce la Casa Internazionale dei Diritti Umani delle donne. Con la pubblicazione di questo libro, l'Associazione partecipa alle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia; assegnando a diverse autrici la realizzazioni di biografie di donne italiane, testimoni eccellenti nei campi della politica, della cultura, della scienza, dell' economia e dello sport.

Michela Murgia, Accabadora

par Maurizia Morini, publié le 12/11/2010

article.png La storia narrata da Michela Murgia è ambientata in Sardegna, tranne una breve parentesi torinese, negli anni cinquanta; ed è la storia della relazione fra le due donne; la piccola Maria e la matura sarta Bonaria. Maria sarà educata e cresciuta per diventare curatrice di Bonaria, quando sarà necessario, potrà studiare e sarà oggetto di rispetto e attenzione da parte della vecchia sarta, nel paesino di Soreni in cui non mancano i commenti malevoli al loro passaggio. Tuttavia c'è qualcosa di strano nelle uscite notturne di Bonaria, in quel suo vestirsi sempre di nero, in quella sua sapienza rispetto alle cose della vita e della morte; ciò che Maria scoprirà, in modo doloroso e casuale, è che Tzia Bonaria quando è necessario è pronta ad entrare nelle case per portare una morte pietosa. Il suo è il gesto amorevole e finale dell' accabadora, l'ultima madre.

Caterina Soffici, Ma le donne no

par Maurizia Morini, publié le 08/06/2010

article.png La giornalista propone un libro che racconta alcune vicende molto scomode e il sottotitolo ce lo richiama immediatamente. Il paese di cui si parla è l'Italia. Di facile lettura, scorrevole ed al tempo stesso coinvolgente, l'autrice non ha la pretesa di scrivere un report sull'emancipazione o meno delle italiane ma nelle storie raccontate emerge la fatica di molte che devono combattere quotidianamente per conquistare la propria dignità e che non possono permettersi di riposare.

Anna Negri, Con un piede impigliato nella storia

par Maurizia Morini, publié le 26/01/2010

article.png Il libro è un'autobiografia: quella di Anna, figlia di Toni Negri, professore di Scienze Politiche all'Università di Padova, fondatore di Potere Operaio e leader di Autonomia Operaia, espatriato in Francia nel 1983, ora nuovamente in Italia. Ed è anche una storia personale ed intima; racconta l'infanzia e l'adolescenza di una figlia, insieme alle vicende familiari fra gli anni '70 e '80. Soprattutto le vicende di un padre ingombrante che un po' come uno spettro l'ha accompagnata nella sua vita.

Valeria Parrella, Ciao maschio

par Maurizia Morini, publié le 12/01/2010

article.png L'autrice scrive frammenti di discorsi amorosi, riflettendo in modo problematico sulle identità e sui motivi per cui spesso le relazioni non funzionano. Sotto osservazione non è il genere o l'universo maschile ma proprio la relazione uomo-donna. Protagonista una cinquantenne che, in preda ad una specie di delirio interiore, si ritrova davanti tutti i maschi della sua vita e con loro fa i conti. Maschi e non uomini, perchè l'ultimo appellativo implicherebbe una raggiunta maturità, una risoluzione che non è mai avvenuta.

Valeria Parrella, Lo spazio bianco

par Maurizia Morini, publié le 02/11/2009

article.png Maria ha poco più di 40 anni, è sentimentalmente sola, vive a Napoli insegnando italiano in una scuola territoriale serale. Al sesto mese di gravidanza, a causa di complicazioni non specificate, nasce Irene che viene ricoverata in terapia intensiva neonatale. ...a quarant' anni non si fanno i figli... Dietro il vetro dell'incubatrice Maria osserva; osserva le ora passare sul piccolo corpo della neonata, come una sequenza di possibilità.

Graziella Bonansea, Tre inverni. L'acqua del fiume complice di una storia

par Maurizia Morini, publié le 07/09/2009

article.png L'acqua appunto; un fiume su cui va e viene una chiatta. Sopra e attorno a questa chiatta si snoda il romanzo di Graziella Bonansea. L'intreccio narrativo collega esperienze, generazioni e luoghi in una rilettura originale della Shoah vista dai diversi personaggi che vivono o transitano nel paese che si affaccia sul fiume. Ecco i personaggi: Michele: il protagonista, ragazzo ventenne che ha lasciato precocemente gli studi e lavora sul barconecon altri barcaioli che vivono alla giornata; l'incontro con un uomo che chiede un passaggio segna una svolta significativa nella vita apparentemente spensierata del giovane.

Concita De Gregorio, Malamore. Esercizi di resistenza al dolore

par Maurizia Morini, publié le 21/04/2009

article.png Malamore è un saggio che racconta storie di donne che resistono alla violenza e ai soprusi degli uomini ma non trovano il coraggio di protestare e di liberarsi dei loro compagni. Una raccolta di storie che ruota attorno ad una domanda: come mai donne indipendenti, giovani e meno giovani, brave professionalmente sono disposte a sopportare, perché subiscono e non si ribellano? Vergogna? Paura?

Margaret Mazzantini, Venuto al mondo

par Maurizia Morini, publié le 31/03/2009

article.png A distanza di sei anni da Non ti muovere, pluripremiato e di successo, la scrittrice torna con un nuovo romanzo che ha al centro un tema a lei caro: la maternità a cui si abbina la Storia. La recente storia nella ex Iugoslavia, in particolare nella Sarajevo assediata.

Milena Agus, Mal di pietre

par Maurizia Morini, publié le 30/09/2008

article.png Su mali de is perdas - il male delle pietre (meno poeticamente calcoli renali). Il mal di pietre si identifica, nel romanzo, con il mal d'amore chè è perfetto e unico come una pietra preziosa e, a completare il concetto, il motto iniziale del racconto così recita: Se io non ti incontrerò mai, fa' che senta almeno la tua mancanza.

Mariolina Venezia, Mille anni che sto qui

par Maurizia Morini, publié le 05/12/2007

texte.png monographie.png Fiche de lecture du roman Mille anni che sto qui de Mariolina Venezia, paru aux éditions Einaudi, Torino en 2006.

Sibilla Aleramo, Una donna

par Maurizia Morini, publié le 04/12/2007

article.png Una donna di Sibilla Aleramo (scritto nel 1906) non è un diario, perché non scritto giorno per giorno. Non è un romanzo, perché racconta di vicende veramente vissute. Non è neanche un semplice libro di memorie o una autobiografia; è una spietata autoanalisi in forma letteraria su una parte della vita dell'autrice, quella che la porterà alla dolorosa decisione di lasciare il marito e il figlio per ritrovare se stessa e realizzare la propria vita. Sta tutto qui lo "scandalo" di un libro imbarazzante e provocatorio per l'epoca in cui fu pubblicato, diventato negli anni per alcuni testimonianza anzitempo del percorso di liberazione indicato dalle femministe degli anni Settanta (autocoscienza/presa di coscienza), per altri soltanto l'asserzione di un percorso sofferto e crudele di emancipazione: l'irriducibile dicotomia tra la maternità vissuta pienamente e la decisione di abbandonare il figlio, una scelta dettata dal bisogno di autodeterminazione, di liberazione dal dover essere.

Elisabetta Rasy, L'estranea

par Maurizia Morini, publié le 02/10/2007

article.png Il romanzo, autobiografico, narra la morte della madre della scrittrice avvenuta, come apprendiamo fin dalla prima riga, il 13 febbraio del 2000 a Roma. Una vicenda non ancora completamente conclusa nell'animo dell'autrice che ripercorre in questo diario-riflessione il rapporto con la madre come si è snodato nel corso degli anni, fino alla scoperta di una malattia inesorabile, a ottantun anni, della madre.