Vous êtes ici : Accueil / Littérature / Bibliothèque / Curzio Maltese, "La bolla. La pericolosa fine del sogno berlusconiano"

Curzio Maltese, "La bolla. La pericolosa fine del sogno berlusconiano"

Par Maurizia Morini : Lectrice d'italien MAE et historienne - ENS de Lyon
Publié par Damien Prévost le 14/01/2011
Curzio Maltese con uno stile secco e tagliente parla dell'Italia berlusconiana e ne fa un quadro amaro e disilluso, proponendo un metodo per affrontare i problemi anomalo. Dice Maltese che il suo è un libro contro la semplificazione, perché in un paese complesso e fragile al tempo stesso, come l'Italia chi propone soluzioni semplicistiche compie una vera e propria truffa.

bandeau fiche lecture.jpg

Curzio Maltese è nato a Milano nel 1959 ed è uno dei più noti giornalisti italiani; editorialista a La Repubblica ha pubblicato diversi libri; fra gli ultimi per Feltrinelli, Come ti sei ridotto. Modesta proposta di sopravvivenza al declino della nazione (2006); I padroni delle città (2007); La questua (2008).

img002.jpg

L'Italia vive da quindici anni in una bolla politica e mediatica, il berlusconismo. Mezza Italia, per la verità: la più felice. Chi guarda la bolla da fuori si preoccupa, si incazza, si strazia per capire come un trucco tanto facile abbia stregato milioni di adulti che non volevano crescere. Chi vive dentro la bolla si sente leggero, avvolto, protetto come un bambino, in un mondo pieno di colori, dove sono scomparse le faccende complesse, noiose. È ottimista, per lui, nessun problema può sfuggire alla più facile delle soluzioni. Osserva quelli in basso e ride: Keep It Simple, Stupid.

Chi si illude che tutto si risolverà con la fine di Berlusconi, magari accelerata dagli scandali, dimostra di non capire quanto e come ha agito il berlusconismo in questi anni nella società. Non è stato fascismo, ma ha svuotato la democrazia. In maniera sistematica e diffusa, nei palazzi delle istituzioni come nelle teste dei cittadini. Ha snervato il parlamento, la magistratura, la libera informazione, la scuola. Ha prodotto una perdita collettiva di senso e di memoria. Siamo ridotti come il paese di Macondo, che dovrà un giorno rinominare gli oggetti. Non è stato facile arrivare a tanto e non sarà semplice uscirne.

(IV di copertina)

Curzio Maltese con uno stile secco e tagliente parla dell'Italia berlusconiana e ne fa un quadro amaro e disilluso, proponendo un metodo per affrontare i problemi anomalo. Dice Maltese che il suo è un libro contro la semplificazione, perché in un paese complesso e fragile al tempo stesso, come l'Italia chi propone soluzioni semplicistiche compie una vera e propria truffa.

Quando Berlusconi, negli anni novanta, è andato al potere, la situazione italiana viveva un periodo di grandissima difficoltà (ricordiamo: Tangentopoli, i partiti dissolti, imprenditori coinvolti in ricatti e corruzioni, una classe politica distrutta)  e molto, molto complessa. Berlusconi propone ricette semplicissime;

Le tasse sono troppo alte? - Le abbasso.

Il Paese è fermo? -  Faccio le grandi opere.

Non c'è efficienza? - Tratterò l'Italia come una mia azienda.

In questo modo gli italiani si sentivano e si sentono dire ciò che li rassicura; tutto si può risolvere con grande facilità, è questo rinchiudere la gente in una bolla di sapone, nel pensiero magico che le fa volare in alto,  che ha azzerato, secondo Maltese, le intelligenze.

L'autore racconta l'Italia delle truffe, dell'illegalità, dei giovani disoccupati, della scuola in crisi, dei tagli all'Università e alla ricerca, dell'evasione fiscale, dei talenti sprecati e via dicendo...

Ma che è successo al popolo italiano, perché non si ribella e perchè soprattutto i giovani, i più tartassati, non reagiscono? Quando il paese reale sarà veramente protagonista? E la sinistra si ricorderà di fare la sinistra?

Le ultime parole del libro sono sconsolanti:

E poi ci sono questi ragazzi che ti trovi davanti assiepati in un'aula universitaria, tutti aspiranti giornalisti. Dove, come, chissa. Ora tocca a voi raccontare l'Italia agli italiani. Noi abbiamo perso.

 a cura di Maurizia Morini

Pour citer cette ressource :

Maurizia Morini, "Curzio Maltese, "La bolla. La pericolosa fine del sogno berlusconiano"", La Clé des Langues [en ligne], Lyon, ENS de LYON/DGESCO (ISSN 2107-7029), janvier 2011. Consulté le 21/05/2018. URL: http://cle.ens-lyon.fr/italien/litterature/bibliotheque/curzio-maltese-la-bolla-la-pericolosa-fine-del-sogno-berlusconiano-