Vous êtes ici : Accueil / Civilisation / XXe - XXIe / Les mouvements des femmes / Gli slogan dell'UDI

Gli slogan dell'UDI

Par Maurizia Morini : Lectrice d'italien MAE et historienne - ENS de Lyon
Publié par Damien Prévost le 21/11/2007
Slogan e parole d'ordine dell'UDI per le manifestazioni dell'8 marzo Si noti l'accento posto sui temi generali della pace, del progresso, del lavoro ed i termini di tipo emancipatorio fino alla metà degli anni Settanta, quando si parla di maternità scelta, di coscienza dell'oppressione, di autodeterminazione, di società a misura di donna.

8 marzo, Giornata internazionale della donna

Slogan e parole d'ordine dell'UDI per le manifestazioni dell'8 marzo Si noti l'accento posto sui temi generali della pace, del progresso, del lavoro ed i termini di tipo emancipatorio fino alla metà degli anni Settanta, quando si parla di maternità scelta, di coscienza dell'oppressione, di autodeterminazione, di società a misura di donna.

1945 - Giorno di lotta e di speranza per un domani di libertà e di progresso

1946 - Valorizzazione della donna di casa e del suo lavoro

1947 - Per le rivendicazioni femminili: parità di contingenza, protezione della maternità

1948 - La donna è vita, la vita è nella pace, nella libertà, nel lavoro

1949 - No alla guerra! No alla morte ! Sì al lavoro e alla vita

1950 - Per la gioia e la tranquillità della tua famiglia, difendi la pace

1951 - Tutte le donne si uniscano per la pace e contro la guerra

1952 - Giornata di festa e di lotta per la pace. Pace per salvare i nostri figli e la nostra economia

1953 - Per il successo dei congressi delle donne italiane e per la preparazione della campagna elettorale

1954 - Parità di diritti, difesa della famiglia

1955 - Ci unisca il nostro ideale di emancipazione e di pace per impedire la strage atomica

1956 - Unite conquistiamo i nostri diritti, combattiamo la miseria e chiediamo il disarmo, certezza di pace

1957 - Ad ogni donna dal marito, dai figli, dai colleghi di lavoro, un dono gradito che esprima la riconoscenza per il suo contributo alla famiglia e alla società

1958 - Sia il voto delle donne un voto per i loro diritti e per la pace

1959 - Per l'emancipazione femminile, rinnoviamo il nostro impegno di pace nello sviluppo della democrazia e del progresso

1960 - Cinquant'anni di lotte per l'emancipazione femminile

1961 - La società per la donna e la famiglia

1962 - Parità, libertà, cultura per le donne nella società moderna

1963 - Una società rinnovata nelle leggi, nel costume, nelle strutture, per la donna e la famiglia

1964 - Dalla Resistenza alle nuove mete di emancipazione: una grande associazione femminile unitaria nella storia d'Italia

1965 - A 20 anni dal diritto di voto, un rinnovato impegno unitario per le più avanzate conquiste di emancipazione e di progresso

1966 - Per l'emancipazione della donna e per il progresso, non armi ma spese di pace, non guerra ma libertà e coesistenza

1967 - Impegno civile e politico delle donne per costruire una civiltà nuova

1968 - Più potere alle donne per trasformare la società

1969 - 8 marzo, giornata di lotta delle donne

1970 - Non vogliamo più aspettare: le donne aprono la vertenza nazionale sui nidi e le scuole per l'infanzia

1971 - Per l'emancipazione femminile una svolta nella spesa pubblica, nei costumi, negli investimenti: asili nido, scuola per tutti dai 3 ai 14 anni

1972 - Emancipazione. Sì: diritto al lavoro, scuola e servizi sociali, riforme. No: emarginazione della donna, referendum, repressione

1973 - Contro l'attacco all'emancipazione, unità e lotta delle donne

1974 - Crisi, referendum, disoccupazione femminile. Le donne dicono no. Dalla crisi non si esce senza le donne

1975 - Maternità valore sociale, non ruolo, ma scelta

1976 - Emancipazione '76: libera nella maternità, autonomia con il lavoro, protagonista nella società

1977 - Usciamo dalle case, troviamoci in piazza per dire che ciascuna di noi ha coscienza della sua oppressione, che fra noi donne cresce la solidarietà, che deve vivere nella società la forza delle nostre proposte

1978 - Parliamo noi

1979 - Non ci fermano gli attacchi alle nostre conquiste, il terrorismo, la paura, il dolore. La vita di tutte può cambiare se la prendiamo nelle nostre mani

1980 - Prendiamoci la parola

1981 - Il nostro NO al referendum. Solidarietà tra le donne. Autodeterminazione. Il movimento delle donne rilancia la sua sfida

1982 - Le donne affermano il loro diritto a contare come uguali nella società. Scendiamo in piazza a gridare che vogliamo una società a misura di donna Bibliografia AAVV, Paura non abbiamo... l'Unione donne italiane di Reggio Emilia nei documenti, nelle immagini, nella memoria. 1945-1982, Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna. Soprintendenza per i beni librari e documentari, Il Nove, Bologna 1993: 864-70

Pour citer cette ressource :

Maurizia Morini, "Gli slogan dell'UDI", La Clé des Langues [en ligne], Lyon, ENS de LYON/DGESCO (ISSN 2107-7029), novembre 2007. Consulté le 19/04/2018. URL: http://cle.ens-lyon.fr/italien/civilisation/xxe-xxie/le-mouvement-des-femmes/gli-slogan-dell-udi