Vous êtes ici : Accueil / Revue de presse / 27 maggio 2018 - Governo, Conte rinuncia, Mattarella convoca Cottarelli

27 maggio 2018 - Governo, Conte rinuncia, Mattarella convoca Cottarelli

Publié par Alison Carton-Vincent le 28/05/2018

Governo, Conte rinuncia. Mattarella: «Sui ministri non posso subire imposizioni», e convoca Cottarelli

Il nome di Paolo Savona è stato lo scoglio sul quale si è incagliata la trattativa tra M5S, Lega e Quirinale per il nuovo governo. I giallo-verdi accusano Mattarella, il Quirinale replica: «Ho agevolato in tutti i modi la nascita del nuovo governo»

(Valentina Santarpia, Il Corriere della Sera, 27/05/18)

A 84 giorni dalle elezioni, 12 settimane, un record per la storia repubblicana, l’Italia non ha un governo. Sono ore drammatiche al Quirinale. Il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte domenica sera ha sciolto negativamente la riserva e ha rimesso il mandato al termine del colloquio con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, durato circa un’ora. È crollato così il tentativo di formare un governo a guida M5S-Lega. Ed è l’economista Paolo Savona, designato per il ministero dell’Economia, lo scoglio sul quale si è incagliata la partita.

Continua a leggere

 

Scontro istituzionale sul nuovo governo. Conte rinuncia, Mattarella convoca Cottarelli. "No a un ministro dell'Economia antieuro". E Di Maio e Meloni invocano impeachment

La Lega si dissocia dall'ipotesi di messa in stato d'accusa e invoca il ritorno alle urne. "Non finisce qui", minaccia Di Maio in piazza. Gentiloni: "Nervi saldi, ora salviamo il Paese". Pd e Forza Italia difendono il Colle

(Alberto Custodero, La Repubblica, 27/05/18)

ROMA - È durata appena quattro giorni la parentesi dell'incarico che il capo dello Stato ha affidato a Giuseppe Conte per la formazione di un governo M5s-Lega. Il no di Mattarella a Savona all'Economia ("decisione che non ho preso a cuor leggero", ha chiosato il presidente), è stato lo scoglio sul quale è inciampato l'ex premier incaricato.

Ora è in atto uno scontro istituzionale con M5s e Lega che tuonano contro il Colle.

Il più duro è proprio Luigi Di Maio. "La scelta di Mattarella è incomprensibile", ha attaccato. "La verità è che non vogliono il M5s al governo, sono molto arrabbiato ma non finisce qui", minaccia. Il clou quando, ospite di Fazio, affonda il colpo: "Chiedo l'impeachment per Mattarella", ipotesi già ventilata da Giorgia Meloni. 

Continua a leggere

 

En Italie, Giuseppe Conte renonce et ouvre une nouvelle crise politique

Le juriste désigné par la Ligue et le Mouvement Cinq Etoiles pour former le gouvernement a rendu les armes face au chef de l’Etat, qui refusait d’investir un eurosceptique au ministère de l’Economie.

(Eric Jozsef, Libération, 27/05/18)

En Italie, Giuseppe Conte renonce et ouvre une nouvelle crise politique. L'Italie replonge dans la crise politique. Dimanche soir, le juriste Giuseppe Conte, choisi par l’alliance entre la Ligue d’extrême droite et le Mouvement Cinq Etoiles étoiles (M5S) et chargé la semaine dernière de former le gouvernement, a officiellement renoncé. A l’issue d’un entretien avec Sergio Mattarella, la présidence de la République a annoncé dans une brève allocation du porte-parole que Giuseppe Conte remettait le mandat qui lui avait été confié au chef de l’Etat.

Continua a leggere

 

Italie : le président charge un ancien responsable du FMI de former un gouvernement

(Libération, 28/05/18)

Après avoir mis son veto dimanche à un gouvernement populiste sans garantie de maintien dans l’euro, le président italien, Sergio Mattarella, a chargé lundi matin Carlo Cottarelli, un ancien haut responsable du Fonds monétaire international (FMI) de 64 ans, de former un gouvernement technique. «Je me présenterai au Parlement avec un programme qui, si j’obtiens la confiance, incluera le vote du budget 2019. Ensuite, le Parlement sera dissous, avec des élections début 2019», a déclaré dans la foulée à la presse cette figure de l'austérité budgétaire, économiste de formation, ainsi chargé d'un gouvernement de transition avant les prochaines élections.

Continua a leggere

 

Cottarelli accetta l'incarico: "Senza fiducia il Paese al voto dopo agosto"

L'ex commissario alla spending ricevuto al Quirinale. Totoministri: tra i papabili, Cantone, Pajno, Severino, Tronca. Mogherini: "Fiducia Ue nel capo dello Stato". Sostegno a Mattarella sui social dopo le minacce di morte. Il presidente: "Contro intolleranza, fedeltà a democrazia"

(La Repubblica, 28/05/18)

ROMA - Il professor Carlo Cottarelli ha ricevuto dal presidente Sergio Mattarella l'incarico di formare un governo neutrale che tenga i conti in ordine. E ha accettato con riserva. "Mi presenterò al Palarmento con un programma che presenti la legge di bilancio e porti il paese alle elezioni all'inizio del 2019 in caso di fiducia o dopo agosto in caso di sfiducia - afferma al termine del colloquio - Presenterò in tempi molto stretti la lista dei ministri. Il governo sarà neutrale, assicurerà una gestione prudente dei conti pubblici e riterrà essenziale la partecipazione dell'Italia all'area euro. Mi impegno a non candidarmi e così anche i ministri", conclude.

L'ex commissario alla spending review è arrivato al Colle in taxi ed è entrato nel palazzo del Quirinale a piedi, portandosi dietro un trolley.

Continua a leggere