Vous êtes ici : Accueil / Revue de presse / 22 gennaio 2020 - Di Maio si dimette da capo politico M5S

22 gennaio 2020 - Di Maio si dimette da capo politico M5S

Publié par Alison Carton-Vincent le 22/01/2020

M5s, Luigi Di Maio si dimette da capo politico del M5S. Carellli: "Lo ringraziamo, il governo va avanti"

L'annuncio previsto durante la presentazione dei facilitatori a Roma. In mattinata il ministro degli Esteri aveva spiegato le sue intenzioni in un vertice con  tutti i ministri e viceministri pentastellati a Palazzo Chigi. Spadafora: "Avanti uniti o ci condanniamo all'irrilevanza". Conte: "Rispetto la sua scelta"

(La Repubblica, 22/01/20)

Si è aperto con il senatore M5S Emilio Carelli che ha chiesto un applauso per Luigi Di Maio l'evento al Tempio di Adriano di Roma in cui il leader M5S annuncerà le sue dimissioni da capo politico. "Questa è una giornata che passerà alla storia", ha detto Carelli. "E il governo non rischia", ha aggiunto. "Anzi, il cronoprogramma va avanti". Una frase non casuale, che risponde ai tanti interrogativi che si moltiplicano sul destino dell'esecutivo dopo il passo indietro del capo politico dei Cinquestelle. "Luigi, Luigi", lo acclamano mentre inizia a parlare. Di Maio parte dai facilitatori, dicendo che renderanno possibile dare una risposta a quanti sul territorio vogliono dare una risposta ai cittadini. "Da oggi inizia il percorso per gli Stati generali del Movimento", premette.

Continua a leggere

 

Di Maio ai ministri: «Mi dimetto da leader politico del M5S». Alle 17 l’annuncio 

Il leader del Movimento 5 Stelle e l’annuncio delle dimissioni ai ministri: oggi pomeriggio lo dirà pubblicamente al Tempio di Adriano, all’incontro coi facilitatori 

(Emanuele Buzzi, Il Corriere della Sera, 22/01/20)

Si è concluso alle 11.45 l’incontro di Luigi Di Maio e i ministri a Palazzo Chigi: è durato poco più di un’ora. Di Maio ha incontrato ministri e viceministri M5S per annunciare le sue dimissioni da capo politico. Una scelta, che sarà comunicata pubblicamente oggi pomeriggio , che Di Maio ha già anticipato ai suoi: «Lascio da capo politico». Il ministro dei Esteri parlerà al Tempo di Adriano: «Alle 17 sarò a Roma insieme a tutti i facilitatori regionali- scrive su Facebook - Mi collegherò in diretta perché ho delle cose importanti di cui parlarvi... Vi aspetto. A più tardi. Forza!». Cresce, in queste ore, l’ipotesi di affidare la reggenza del M5S a Vito Crimi, in vista degli Stati generali previsti nella metà di marzo.

Continua a leggere

 

Italie : Luigi di Maio est sur le point de démissionner de la direction du M5S

De plus en plus contesté, le leader du premier parti du Parlement italien a décidé de se retirer à quelques jours d'une probable énième débâcle dans des scrutins régionaux. Une démission pour calmer les dissensions de plus en plus violentes au sein du M5S et enrayer l'hémorragie de parlementaires quittant ses rangs.

(Olivier Tosseri, Les Echos, 22/01/20)

La pression était devenue trop forte et son leadership trop faible. Luigi di Maio a décidé de céder sa place à la tête du M5S qu'il occupait depuis le 30 septembre 2017. Le ministre des Affaires étrangères était accusé par une frange de plus en plus importante de son parti, dont il est aussi le trésorier, de cumuler trop de fonctions.

Sa démission devrait être annoncée cet après-midi. Une direction collégiale sera chargée ensuite de préparer les Etats-Généraux du M5S convoqués en mars prochain. Un congrès dont la mission sera de relancer un parti en perte de vitesse. Sa côte de popularité a été divisée par deux depuis son triomphe lors des législatives du 4 mars 2018 qui l'avaient couronné première force politique au Parlement avec 33 % des suffrages.

Continua a leggere