Vous êtes ici : Accueil / Revue de presse / 18 settembre 2017 - Primarie del M5S: i candidati in corsa

18 settembre 2017 - Primarie del M5S: i candidati in corsa

Publié par Alison Carton-Vincent le 18/09/2017

 


M5S, Di Maio unico "big" in corsa da premier. Contro di lui sette candidati minoriM5S, Di Maio unico "big" in corsa da premier. Contro di lui sette candidati minori
Di Battista e Fico rinunciano, il vicepresidente della Camera sfidato da altri sette iscritti non notissimi. Da una senatrice che ieri ringraziava Di Maio di essere sceso in campo, a un ex consigliere comunale di Monza; da un assemblatore di pc a un perito elettronico. Grillo a Roma per placare gli ortodossi, show contro i giornalisti che lo costringono a essere "recluso" in albergo. Il Financial Times: "Scarsa trasparenza dei capi del Movimento". Pd all'attacco: "Buffonarie finite prima di iniziare". E Roberto Saviano: "Allora mi candido io"

(La Reppublica, 18/09/17)
ROMA - Da imbattibile super-favorito a imbattibile per assenza di avversari "alla sua altezza": scaduto il termine per l'invio delle candidature, Luigi Di Maio resta per ora l'unico "big" in corsa per le primarie del M5S. A metà pomeriggio, il blog del Capo rende noti i nomi di altri sette possibili concorrenti, esponenti poco noti del Movimento: da Giammarco Novi, un ex consigliere comunale di Monza che si propone pubblicamente con una video-candidatura, alla senatrice Elena Fattori, che appena ieri sulla sua pagina Fb ringraziava Di Maio per essere sceso in campo, e Vincenzo Cicchetti, già candidato sindaco di Riccione, Andrea Davide Frallicciardi, perito elettronico ed ex consigliere comunale di Figline Valdarno, Domenico Ispirato, ex consigliere circoscrizionale a Verona, Nadia Piseddu, candidata a sindaco di Vignola, Marco Zordan, artigiano di Arzignano, provincia di Vicenza.
Continua a leggere

 

 

Di Maio corre da solo, nessun big lo sfida. Voto M5S, l’ira di Fico e le accuse a Casaleggio

Fallisce il tentativo di Grillo di coinvolgere almeno un big. Un pasticcio, che lo stesso leader fondatore, con la discesa a Roma, ha cercato di evitare
(Alessandro Trocino, Il Corriere della Sera, 18/09/17)

Un predestinato, Luigi Di Maio, una senatrice misconosciuta, Elena Fattori, e sei carneadi. Dopo diverse ore di verifica dei requisiti, il blog di Beppe Grillo ha pubblicato i nomi dei partecipanti alle primarie M5S per la scelta del candidato premier. Sfida che fa già gridare gli altri partiti al voto «bulgaro» o «coreano» e che suscita più di un mal di pancia tra i 5 Stelle più avveduti, che si erano accorti per tempo del rischio e che accusano, dietro le quinte, l’autore delle regole: Davide Casaleggio. Il figlio del fondatore ha deciso di evitare il doppio turno, ripetendo uno schema già visto. Per paura degli hacker, ma anche perché incurante di possibili accuse sul «plebiscito» in stile coreano. In diversi nel Movimento ritengono la sicura vittoria di Di Maio una vittoria depotenziata dalla corsa in solitaria. Anche se un post dei 5 Stelle difende la scelta: «I giornali volevano delle primarie fiction, noi gli abbiamo dato la realtà. Questo fa il M5S: dare l’opportunità a chiunque di farsi Stato ed occuparsi della cosa pubblica. È il principio base della democrazia diretta».

Continua a leggere

 


Sette oltre a Di Maio i candidati premier del Movimento 5 Stelle: ecco chi sono

(La Stampa, 18/09/17)
Sette nomi oltre a quello Di Maio. Sul Blog di Beppe Grillo è stato pubblicato l’elenco degli aspiranti premier del Movimento 5 Stelle che hanno partecipato alla selezione di candidature on line.
Il primo è Vincenzo Cicchetti, 61 anni, imprenditore informatico di Riccione, consigliere comunale per i pentastellati (era entrato come riempilista) che alla voce dichiarazione di intenti scrive: «Un solo metro di giudizio e condotta: BuonSenso nel pieno rispetto della volontà manifestata dai cittadini!! Si all’esperienza, alla competenza, al merito, alla fatica, al lavoro serio e responsabile. No all’arrivismo, al pressapochismo, al parassitismo, all’inefficienza, al paraculismo, all’improvvisazione». Nel mirino di Cicchetti in particolare Di Maio: «Ci è stato imposto solo perché giovane e telegenico. Ma non possiamo presentarci con uno che non è laureato, non ha mai lavorato e non sa l’inglese».

Continua a leggere

 
Pour citer cette ressource :

"18 settembre 2017 - Primarie del M5S: i candidati in corsa", La Clé des Langues [en ligne], Lyon, ENS de LYON/DGESCO (ISSN 2107-7029), septembre 2017. Consulté le 21/08/2018. URL: http://cle.ens-lyon.fr/italien/revue-de-presse/18-settembre-2017-primarie-del-m5s-i-candidati-in-corsa