Accès par volet
Navigation

Aller au contenu. | Aller à la navigation

    Suivez-nous sur
  • icone-facebook
  • icone-twitter

Outils personnels

Vous êtes ici : Accueil / Revue de presse / 18 gennaio 2016 - Il Papa in sinagoga

18 gennaio 2016 - Il Papa in sinagoga

Publié par Alison Carton-Kozak le 21/05/2014
Créé le 18/01/2016, kjsp:292950, Page libre

Papa alla sinagoga di Roma: "Siete i nostri fratelli e sorelle nella fede"

La visita del pontefice 30 anni dopo Wojtyla e sei anni dopo Ratzinger sotto la vigilanza di 800 fra poliziotti e carabinieri. "No ad ogni forma di antisemitismo e condanna di ogni ingiuria, discriminazione e persecuzione che ne derivano"

(Andrea Gualtieri, Repubblica)
ROMA - E' un lungo abbraccio quello che la comunità ebraica riserva a papa Francesco nella sinagoga di Roma. Applausi, strette di mano, baci all'anello, c'è persino chi accenna "viva il Papa". E Bergoglio ricambia l'affetto: si alza in piedi a battere le mani quando vengono citati i superstiti dei lager, si sofferma a salutare, a parlare. E' il terzo pontefice ad entrare nel Tempio. 
Continua a leggere


«La violenza è incompatibile con ogni fede, no all’antisemitismo»

Ghetto blindato per l’arrivo di Francesco: in campo 800 uomini delle forze dell’ordine, bonifiche e metal detector. La Dureghello: «Ebrei e cattolici insieme per la pace»

(Ester Palma, Corriere della Sera)
«La violenza dell’uomo sull’uomo è incompatibile con qualunque religione, tantomeno con le tre grandi fedi monoteistiche. La vita è sacra, dobbiamo portare avanti la logica della pace e del perdono». E ancora: «No a ogni forma di antisemitismo, voi ebrei siete i nostri fratelli e le nostre sorelle maggiori nella fede, come già disse Giovanni Paolo II». 
Continua a leggere

L’abbraccio con la gente del ghetto: “Conquistati dalla sua semplicità”

Ma c’è chi si lamenta: “Perché non ha nominato Israele?”

 (Giacomo Galeazzi, La Stampa)

«È stato come ricevere la visita di un amico», si commuove Alberto Piazza, 49 anni. Accanto a lui, all’uscita dalla sinagoga, Livio Tagliacozzo, 48 anni, evidenzia «il calore di Francesco che, a sorpresa, invece di dirigersi direttamente alla poltrona a lui riservata nel Tempio Maggiore ha zigzagato tra i banchi per salutare il maggior numero possibile di persone: fuori da ogni protocollo, ha dimostrato quanto sia a suo agio in una sinagoga».  
Continua a leggere

Pour citer cette ressource :

"18 gennaio 2016 - Il Papa in sinagoga", La Clé des Langues [en ligne], Lyon, ENS de LYON/DGESCO (ISSN 2107-7029), mai 2014. Consulté le 22/10/2021. URL: http://cle.ens-lyon.fr/italien/revue-de-presse/18-gennaio-2016-il-papa-in-sinagoga