Vous êtes ici : Accueil / Revue de presse / 17 ottobre 2019 - Italiani euroscettici: solo il 44% vorrebbe restare nell'UE

17 ottobre 2019 - Italiani euroscettici: solo il 44% vorrebbe restare nell'UE

Publié par Alison Carton-Vincent le 17/10/2018

L'Italia si scopre euroscettica: solo il 44% voterebbe per restare nell'Ue; il dato più basso di tutta Europa

Sondaggio Eurobarometro: la media tra gli altri cittadini del continente è del 66% e persino la Gran Bretagna della Brexit è più europeista di noi (e sopra il 50%). In compenso apprezziamo l'euro più degli altri

(La Repubblica, 17/10/18)

BRUXELLES - In caso di referendum nel proprio Paese sulla falsariga di quello della Brexit, solo il 44% degli italiani voterebbe per restare nell'Ue contro il 66% a livello europeo. E' il dato peggiore dei 28, anche a fronte dei britannici dove oggi il 53% è per il 'remain'. Lo rivela un sondaggio Eurobarometro in base al quale la percentuale degli indecisi nel Belpaese è pari al 32%, la più alta nell'Unione.

Favorevoli all'euro ma non all'Ue

In discussione non è tanto la moneta unica, poiché poiché la maggioranza dei nostri connazionali (il 65%) è in realtà favorevole all'euro. Ciò che è in crisi in questo momento è l'appartenenza stessa all'Unione europea. Non è proprio aria di Ital-exit, perché la percentuale di indecisi è molto alta, ovvero il 32%, tuttavia è il segnale di una crisi evidente perché gli italiani sono - a differenza del passato - i meno convinti che il proprio Paese abbia tratto benefici dall'appartenenza all'Unione.

Tra gli europei infatti solo il 17% degli intervistati sarebbe a favore dell'uscita. E tra gli stessi britannici, che pure si sono espressi con un referendum per lasciare l'Unione, oggi solo il 35% è per il "leave".

Continua a leggere

 

Italiani anti-Ue, ma pro-euro: solo il 44% vuole restare nell’Unione

Secondo i dati dell’Eurobarometro l’Italia è il paese con più euroscettici, il 65% è però favorevole alla moneta unica

(Il Corriere della Sera, 17/10/18)

In caso di referendum sull’uscita dall’Ue, solo il 44% degli italiani voterebbe per restare, contro il 66% degli intervistati europei: lo rivela l’ultimo sondaggio Eurobarometro, condotto tra l’8 e il 26 settembre 2018 da Kantar Public in tutti e 28 gli Stati membri. L’Italia è il Paese dove si registra anche il numero più alto di indecisi (32%), mentre il 24% voterebbe per seguire l’esempio britannico e andarsene.

Continua a leggere

 

In Italia solo il 44% voterebbe per restare nell’Ue (ma l’euro piace)

(Il Sole 24 ore, 17/10/18)

Gli italiani sono in larga parte favorevoli all’euro ma molto tiepidi sull’Unione europea. Lo rivela l’ultimo sondaggio Eurobarometro condotto tra l’8 e il 26 settembre 2018 da Kantar Public in tutti e 28 gli Stati membri. Ne emerge che il 65% degli italiani si dichiara favorevole all’euro, ma gli intervistati in Italia sono i meno convinti dei benefici dell’appartenenza all’Unione europea (43%). Stando al sondaggio, il 68% degli europei ritiene che il proprio Paese abbia tratto beneficio dall’appartenenza all’Ue e il 61% degli intervistati considera positivamente la moneta unica.

Solo il 44% degli italiani resterebbe nell’Ue

In caso di referendum nel proprio Paese sulla falsariga di quello della Brexit, solo il 44% degli italiani voterebbe per restare nell’Ue contro il 66% a livello europeo. È il dato peggiore dei 28, anche a fronte dei britannici dove oggi il 53% è per il «remain». La percentuale degli indecisi nel Belpaese è pari al 32%, la più alta nell’Unione. Tra gli europei solo il 17% degli intervistati sarebbe a favore dell’uscita. Tra i britannici oggi solo il 35% è per il «leave».

Continua a leggere