Vous êtes ici : Accueil / Revue de presse / 11 settembre 2017 - Firenze: carabinieri sotto accusa per stupro

11 settembre 2017 - Firenze: carabinieri sotto accusa per stupro

Publié par Alison Carton-Kozak le 11/09/2017

 


Stupro di Firenze, il carabiniere davanti ai pm: «Era sobria non sono uno violentatore»

Il capopattuglia indagato: mi sono lasciato trascinare. Il suo collega potrebbe presentarsi oggi in Procura
(Giusi Fasano e Antonella Mollica, Il Corriere della Sera, 10/09/17)
In questi giorni neri l’appuntato non ha smesso un minuto di ripensare alla scena. Lui e il suo collega di pattuglia che caricano sull’auto di servizio le due studentesse americane, le portano a casa. Il suo collega sale in ascensore con una delle due che non sta in piedi tanto è ubriaca e lui prende la via delle scale con l’altra. Ricorda il rapporto sessuale sul pianerottolo del terzo piano con quella ragazza mentre la seconda è ancora giù, nell’ascensore, con l’altro carabiniere. E mette a fuoco il momento in cui la scena finisce: due uomini in divisa che escono dal palazzo e si rimettono a pattugliare la città come se nulla fosse stato.

Continua a leggere

 

 

Firenze, uno dei due carabinieri si presenta in procura: "Sono stato con la ragazza, ma lei era consenziente"Firenze, uno dei due carabinieri si presenta in procura: "Sono stato con la ragazza, ma lei era consenziente"
I militari sono stati sospesi. L'avvocato delle studentesse: "Si sono fidate". Intanto si aspettano gli esiti dei prelievi della scientifica sul materiale organico trovato sul luogo indicato dalle studentesse americane come quello dello stupro. Maria Elena Boschi: "Se fosse vero, gravissimo utilizzare le divise per approfittarsi della situazione"
(Laura Montanari, La Repubblica, 09/09/17)
FIRENZE. Uno dei due carabinieri accusato di violenza sessuale si è presentato oggi in procura a Firenze ammettendo di aver avuto un rapporto con una delle due ragazze, ma spiegando che "lei era consenziente". Ha riferito di essere stato invitato a salire. E' questa la linea di difesa contro la denuncia di stupro delle due studentesse.I due militari comunque sono stati sospesi precauzionalmente dall'impiego con il provvedimento già notificato.
"Le due ragazze sono sconvolte per quanto accaduto, si devono ancora riprendere dal terribile shock. La scuola aveva detto loro che dovevano fidarsi solo ed esclusivamente della polizia e dei carabinieri. Ex post, questo avvertimento suona paradossale". Così dice l'avvocato fiorentino Gabriele Zanobini, che difende una delle due studentesse americane, quella di 19 anni, che ha denunciato di aver subito violenza, con l'amica di 21 anni, da parte di due carabinieri. "La violenza sessuale - spiega il legale - non si consuma solo con la violenza fisica o con la minaccia. Si consuma anche, e lo dice il codice penale, abusando delle condizioni di inferiorità psichica o fisica al momento del fatto. E le due ragazze erano in una situazione alterata, anche a causa dell'alcol. In questa fattispecie segnalata dal codice penale il non consenso è implicito".


Continua a leggere

 


Un carabiniere filmato prima degli stupri
Una delle due giovani americane ha avviato inavvertitamente il video del cellulare. L’appuntato: “Era invitante, mi sono trovato coinvolto”

(Grazia Longo, La Stampa, 11/09/17)
Il video dura una manciata di secondi, sufficienti a riprendere il carabiniere mentre cammina, senza essere inquadrato in volto. È stato girato per sbaglio dalla studentessa di 21 anni, quando ancora erano nei pressi della discoteca.
Nonostante il militare del video non sia riconoscibile, stando al racconto della ragazza è l’appuntato di 43 anni, padre di tre figli, che peraltro sabato pomeriggio ha confessato il rapporto sessuale, negando tuttavia la violenza. «Mi sono trovato coinvolto, sono stato trascinato, ma non me la sono andata a cercare. La ragazza era invitante e non mi sono accorto che fosse ubriaca», ha sostenuto, assistito dall’avvocato Cristina Menichetti. «Ci parlavamo un po’ in inglese e un po’ in spagnolo, ma con frasi brevi, a livello scolastico e abbiamo avuto un rapporto sessuale sul pianerottolo. Eravamo solo noi due. Non so dove fossero il mio collega e l’altra ragazza. Eravamo entrati tutti e quattro nel portone perché le americane ci avevano invitato a salire, ma poi ognuno ha preso la sua strada».

Continua a leggere

 
Pour citer cette ressource :

"11 settembre 2017 - Firenze: carabinieri sotto accusa per stupro", La Clé des Langues [en ligne], Lyon, ENS de LYON/DGESCO (ISSN 2107-7029), septembre 2017. Consulté le 26/10/2020. URL: http://cle.ens-lyon.fr/italien/revue-de-presse/11-settembre-2017-firenze-carabinieri-sotto-accusa-per-stupro