Accès direct au contenu

 
Recherche
Retour rapide vers l'accueil

Entretien avec Davide Ferrario

Regista e co-sceneggiatore con Marco Belpoliti de "La strada di Levi".
Publié le : 29 avril 2008
 Propos recueillis par Maurizia Morini (mars 2008) 
Come è nata l'idea del viaggio nell'Europa dell'Est, che poi ha portato alla realizzazione del film?

L'idea è venuta inizialmente a Belpoliti pensando al viaggio di PrimoLevi dopo la liberazione da Auschwitz verso Torino; poi vedendo altri film è venuta l'idea del film. Certo, una bella idea! Ma per realizzarlo occorreva affrontare Levi che è personaggio rilevante; ho riletto La tregua e mi sono innamorato della scrittura di Levi. Il viaggio, oggi, è stata un'idea di scoperta dell'est e capire che c'era un parallelismo fra la condizione di Levi e noi intellettuali di oggi. Pure noi oggi viviamo come al termine di una tregua: per Levi si trattava della tregua fra la fine della seconda guerra mondiale e l'inizio della guerra fredda, per noi è quella fra la caduta del muro di Berlino e l'11 settembre 2001. È una guerra nuova, non dichiarata, con forme di minacce quotidiane; tutto questo mi ha spinto, ha cortocircuitato passato e presente.

Avete fatto un solo viaggio?

Un primo percorso esplorativo solo in due, io e Marco Belpoliti, per cercare i posti, luogo su luogo e sul campo venivano le idee, eravamo aperti al caso, al destino, non volevamo una cosa organica ma lasciare correre le cose e poi ordinarle; tornando abbiamo strutturato una griglia sulla condizione generale dell'Europa moderna e poi per ciascun paese un tema. Quel viaggio, come ogni viaggio ci ha cambiato. Sono poi seguiti altri due viaggi con la troupe.

Costruire sul campo è una sua modalità di lavoro?

Inglobo la casualità nel cinema, non mi piace ingabbiare la realtà ma raddoppiare la dimensione della vita. C'è rischio in questo ma è più divertente, stimolante e il destino ricambia. Intendo dire che se si affronta il destino armato di idee preconcette si finisce per farsi del male; esattamente come andare incontro alle onde di petto: se ci fai surf sopra, invece, puoi cavalcare con profitto anche l'apparente forza casuale del mare.

Pensando al parallelismo con Levi cosa c'è ancora e cosa no?

Certe cose non ci sono più, la famosa casa rossa è stata demolita negli anni Sessanta. Sono rimaste le sensazioni delle persone, il tempo si è come fermato. Per esempio il carattere dei russi, come vivono il tempo, la loro generosità e umoralità! Levi aveva ingrandito ciò che non era epico e certe sue descrizioni enfatiche oggi non sono tali.

Che cosa è cambiato?

La caduta del comunismo ha cambiato la realtà, soprattutto nelle grandi città. In particolare in Romania e Ucraina vi è, in conseguenza della presenza del capitalismo, un'accentuata polarizzazione della società. In Bielorussia una dignitosa povertà, si coglie il legame con la terra , l'arcaicità e il naturale passare del tempo. L'Europa di Levi era piena di rovine, l'Europa di oggi è piena di rovine fisiche, anche di relitti sociali; vi è anche frattura fra le generazioni: i giovani sono occidentalizzati, i vecchi non trovano più un senso alla loro vita. Avete incontrato difficoltà e ostacoli durante le riprese del film?

In Bielorussia, un vice-sindaco e responsabile ideologico del distretto ci ha fermato e ci ha portato nell'ufficio del KGB, ci ha fatto molte domande sulle nostre intenzioni, aveva un atteggiamento difensivo quando noi intendevamo filmare le proprietà collettive; poi ha telefonato ai suoi superiori e da Minsk ha avuto permessi e quindi ci ha poi aiutato e controllato nello stesso tempo. E in Ucraina, a Chernobyl? Tutto intorno ci sono i segni della nube, oggi ci vivono 300 persone, mangiano e coltivano i prodotti della terra, vendono i funghi, mi ha colpito più di Auschwitz. Chernobyl impressiona di più perché dà l'idea di un'umanità passata, non è umano. Levi nel 1986 scrisse un articolo sul nucleare, disse che la peste non ha confini, criticava l'informazione; quella sovietica minimizzava e quella occidentale esagerava. Nel film vi sono anche le riprese di una commemorazione ad Auschwitz. Sì, erano presenti molti capi di stato, ma si è trattato di un rito, abbastanza vuoto, mediatico; mi ha colpito il fatto che i giornalisti stessero in una tenda al caldo, a guardare la TV; una virtualizzazione dell'esperienza, coprivano l'evento. Pensando a Levi non si può dimenticare la sua tragica fine. Quando Levi scrisse di un altro internato che si è suicidato disse: quando uno si uccide dopo Auschwitz, non si sa cosa passi per la testa del suicida. Per Levi non si può pensare alla premeditazione, non c' entra Auschwitz e se anche c'entrasse non si può giudicare da quell'ultimo atto e l'atto non dà la misura di ciò che Levi ha fatto durante la vita. Era responsabile di ciò che significa stare al mondo, della morte come condizione della vita; la vita è tregua fra due nulla e il suo gesto ha a che fare con la sua vita. Levi non ha mai ceduto le armi, anche se la storia rischia di ripetersi, non ha mai detto, come intellettuale: non ce la faccio più.

Davide Ferrario, regista, scrittore e produttore cinematografico si è laureato in Letteratura angloamericana all'Università Statale di Milano, ha girato numerosi cortometraggi e film (tra gli altri ricordiamo Tutti giù per terra e Dopo mezzanotte) ricevendo riconoscimenti anche internazionali.

La strada di Levi è un film-documentario che si ispira a La tregua di Primo Levi e ne ripercorre l'itinerario attraverso Polonia, Ucraina, Moldavia, Romania, Ungheria, Slovacchia, Austria, Germania e Italia. È un viaggio in cui si incontrano persone e luoghi. Sulle tracce di Levi, il film documenta la realtà d'oggi a partire da Auschwitz, in occasione della cerimonia commemorativa dei sessanta anni dalla liberazione, per chiudersi con parole di speranza pronunciate da Mario Rigoni Stern.

Présentation du site et de ses objectifs
Partager sur les réseaux sociaux
Fiche de lecture
Marco Belpoliti, La prova
 
 
Mise à jour le 9 juin 2009
Créé le 29 avril 2008
ISSN 2107-7029
DGESCO Clé des Langues